L’obbligo di essere dotati di un visto per turismo per viaggiare in Costa Rica ed il tempo di permanenza nel territorio nazionale dipendono dal Paese di origine della persona in questione. La lista dei requisiti per i cittadini dei diversi Paesi nel mondo, divisi in quattro gruppi, può essere consultata nel sito web: https://www.migracion.go.cr/Paginas/Visas.aspx o scaricata in spagnolo qui.

Ai cittadini italiani e agli altri cittadini dei Paesi appartenenti al primo gruppo non è richiesto un visto per l’ingresso in Costa Rica come turisti e possono soggiornare nel territorio nazionale fino ad un massimo di 180 giorni, purché presentino un passaporto valido e un biglietto di uscita dal Costa Rica entro il periodo di 180 giorni indicato. La validità minima del passaporto è di 1 giorno dall’ingresso in Costa Rica. Ai cittadini dei Paesi del secondo gruppo non è richiesto un visto d’ingresso per turismo. A differenza del primo visto si può soggiornare sul territorio nazionale fino a un massimo di 30 giorni e la validità minima del passaporto deve essere di 3 mesi,

I cittadini dei Paesi del terzo gruppo (ingresso con visto consolare) e del quarto gruppo (ingresso con visto “consultato”), residenti in Italia, possono entrare in Costa Rica come turisti senza presentare un visto, e rimanere nel Paese per un periodo massimo di 30 giorni, conformemente alle seguenti regole:

  1. Devono essere in possesso di un passaporto con validità minima di 6 mesi (contati a partire dall’eventuale ingresso in Costa Rica); e
  2. Devono essere in possesso di un visto degli Stati Uniti (B1-B2, D, C1/D d’ingresso multiplo) o dal Canada (visto d’ingresso multiplo). Nota bene: Questo visto deve essere timbrato sul passaporto, con una validità di almeno 1 giorno a partire dall’ingresso in Costa Rica; o
  3. Devono essere in possesso di un Visto Schengen (C, D, d’ingresso multiplo). Nota bene: Questo visto deve essere timbrato sul passaporto e deve avere una validità di almeno 1 giorno al momento dell’ingresso in Costa Rica; o
  4. Devono essere in possesso di un permesso di soggiorno di un Paese dell’Unione Europea, o di un altro Paese inserito nella lista “Grupo ingreso sin Visa Consular”, in formato tessera elettronica, con una validità di almeno tre mesi contati a partire dall’eventuale ingresso in Costa Rica;
  5. In quest’ultimo caso, se il documento non è in lingua spagnola o inglese, devono portare con sé al momento dell’ingresso in Costa Rica una traduzione ufficiale in spagnolo del testo contenuto nel permesso di soggiorno, con l’Apostilla dell’Aja. In Italia, l’Apostilla delle traduzioni si ottiene presso la Procura della provincia del richiedente.

Se il permesso di soggiorno del richiedente  ha una validità inferiore a 3 mesi, è per asilo o per rifugio o il documento corrispondente non è in formato tessera elettronica o non ha una data di scadenza (illimitato), così come negli altri casi non contemplati nelle regole anteriori, sarà indispensabile richiedere un visto al Consolato. In alcuni di questi casi, il Consolato trasmetterà la documentazione alla Dirección General de Migración y Extranjería del Costa Rica, che deciderà in merito al rilascio del visto.

IMPORTANTE: Si specifica che l’esenzione dal visto, o il rilascio di questo da parte del Consolato, costituisce solamente una prospettiva d’ingresso in Costa Rica. La decisione finale riguardante l’entrata è a discrezione delle autorità migratorie costaricensi al momento dei controlli corrispondenti.

REQUISITI PER LA CONCESSIONE DI UN VISTO

Visto consolare per turismo

  • Compilare il modulo da scaricare qui;

  • Passaporto valido, con validità minima di sei mesi, e fotocopia di tutto il documento;

  • Certificato di nascita, apostillato. Se non è multilingue, dovrà essere tradotto e la traduzione dovrà essere apostillata;

  • Certificato degli antecedenti penali (in Italia: il Certificato dei carichi pendenti e il Certificato del casellario giudiziale), apostillato. Se non è multilingue, dovrà essere tradotto e la traduzione dovrà essere apostillata;

  • Prenotazione provvisoria del biglietto aereo e di alloggio;

  • Documenti che provino la solvenza economica (ad esempio: prova dei saldi bancari, movimenti di conti bancari degli ultimi tre mesi o prova dello stipendio da parte del datore di lavoro), dovutamente dotati di timbro e firmati dall’ente bancario corrispondente, con corrispettiva traduzione in spagnolo apostillata.

  • Ricevuta di pagamento della tariffa consolare (US$ 32.00). Nel caso in cui il visto debba essere controllato dalla Dirección General de Migración y Extranjería del Costa Rica, il costo della tariffa consolare sarà US$ 52.00.

  • Si informa che il Console potrà richiedere informazioni aggiuntive, qualora lo ritenga necessario.

IMPORTANTESi ribadisce che tutti i documenti sopra indicati dovranno essere provvisti dell’Apostilla de L’Aia (in Italia si può ottenere nella Procura o nella Prefettura della provincia del richiedente) e dovranno essere tradotti in spagnolo da un traduttore giurato o ufficiale. La traduzione dovrà essere a sua volta apostillata.

Visto consolare provvisorio per le categorie speciali di studenti, ricercatori, docenti e volontari e i loro dipendenti

  • Gli stessi del visto consolare per turismo;

  • Inoltre, si deve fornire la lettera di accettazione del centro d’istruzione costaricense che accrediti il richiedente come studente, accademico, ricercatore o volontario e il tempo di permanenza in Costa Rica.

Visto provvisorio per residenti temporanei come religiosi o religiose

  • Gli stessi del visto consolare per turismo;

  • Inoltre, si deve fornire la lettera della congregazione religiosa di appartenenza, che indichi le mansioni e il tempo di permanenza in Costa Rica; e

  • Certificato emesso dalla Dirección de Culto che indichi che la congregazione religiosa sia inscritta presso il Ministerio de Relaciones Exteriores y Culto del Costa Rica.

Visto provvisorio per possibili residenti temporanei o permanenti

  • Si devono presentare gli stessi requisiti della visa consolare per turismo;

  • Inoltre, si deve fornire un certificato del Registro Civil del Costa Rica che dimostri il vincolo con cittadino costaricense (si può richiedere online qui).

Visto “consultato”

  • I cittadini che possono richiedere il visto “consultato” sono tutti gli stranieri che hanno bisogno del visto consolare per poter entrare nel Paese, che non possono presentare la richiesta del visto presso il console del proprio paese di origine o residenza abituale, o che risiedono in un paese dove non esiste un consolato costaricense.

    Il visto “consultato” è conosciuto esclusivamente dalla Dirección General de Migración y Extranjería del Costa Rica e può richiedere massimo 90 giorni per essere risolto.

    I seguenti documenti saranno inviati in formato digitale al Consolato del Costa Rica per una valutazione iniziale riguardo a se i documenti sono completi. Successivamente, saranno trasmesse alle autorità migratorie costaricensi per ulteriori analisi.

  • Richiesta indirizzata alla Directora General de Migración y Extranjería (Sig.ra Raquel Vargas Jaubert), sottoscritta dall’interessato, che contenga i seguenti dati della persona straniera che richieda il visto: a. Nome completo e cognome, b. Nazionalità, c. Professione o occupazione, d. Motivazione della visita, e. Stima del tempo di permanenza nel Paese, f. Indirizzo di alloggio in Costa Rica e numero di telefono, g. Data approssimativa dell’ingresso e dell’uscita, con rispettiva traduzione in spagnolo in caso sia richiesto;

  • Copia della prima pagina del passaporto dove risultano foto e caratteristiche personali delle persone interessate, con validità minima di sei mesi, debitamente apostillato con la corrispettiva traduzione in spagnolo. Se non si tratta di una traduzione ufficiale del Ministero degli Affari Esteri del Costa Rica, anche questa dovrà essere apostillato;

  • Certificato di nascita, apostillato. Se non è multilingue, dovrà essere tradotto e la traduzione dovrà essere apostillata;

  • Certificato degli antecedenti penali (in Italia: il Certificato dei carichi pendenti e il Certificato del casellario giudiziale), apostillato. Se non è multilingue, dovrà essere tradotto e la traduzione dovrà essere apostillata;

  • Prenotazione provvisoria del biglietto aereo e di alloggio;

  • Documenti che provino la solvenza economica (ad esempio: prova dei saldi bancari, movimenti di conti bancari degli ultimi tre mesi o prova dello stipendio da parte del datore di lavoro), dovutamente dotati di timbro e firmati dall’ente bancario corrispondente, con corrispettiva traduzione in spagnolo apostillata.

  • Ricevuta di pagamento della tariffa consolare (US$ 52.00).

  • Una volta ricevuta la risposta dalla Dirección General de Migración y Extranjería del Costa Rica, la persona interessata dovrà presentarsi presso il Consolato del Costa Rica con i documenti originali, per concludere il processo.

IMPORTANTE: Se il paese di origine del richiedente non è membro della Convenzione de l’Aia, i certificati emessi dovranno essere legittimati dal proprio Ministero degli Affari Esteri e dal Consolato del Costa Rica nel Paese in questione.

I consolati del Costa Rica in Italia chiariranno con piacere qualsiasi vostro dubbio circa i tramiti ed i requisiti per recarsi in Costa Rica (si veda la sezione “Contatti”).