L’acquazzone registrato il 5 giugno a José è stato il più intenso registrato dal 1995, secondo i dati dell’Istituto Meteorologico Nazionale (IMN).

Il pluviometro ubicato nella stazione del IMN, sul lato nord dell’Ospedale Calderón Guardia, ha rilevato che il totale di pioggia accumulata è stato di 90 mm durante le 2 ore di tormenta, anche se potrebbe essere stato di più per via del vento.

Anche le precipitazioni hanno provocato l’inondazione di svariate strade di San José centro, Calle Blancos, il quartiere Escalante, il quartiere Luján, San Pedro e Tibás.

La quantità di acqua che è caduta ha ostruito le fogne e ha intrappolato diversi veicoli per le strade.

L’Ospedale Nazionale Pediatrico (HNN) ha nuovamente avuto problemi questo lunedì, poiché il Servizio Nutrizione, ubicato nel seminterrato dell’edificio, si è inondato.

Inoltre, il rilevatore di scariche atmosferiche dell’IMN, ubicato nel quartiere Aranjuez, ha registrato fino alle 2 del pomeriggio 136 fulmini, in 45 minuti.

Mentre, un transformatore è esploso vicino alla Facoltà di Giurisprudenza dell’Università del Costa Rica.

http://www.nacion.com/sucesos/Instituto-Metereologico-San-Jose-Pedro_0_16380)

San-Pedro-lluvias-junio 2017      Calle-Blancos-anegamientos_aguaceros junio 2017